Itinerario n░6:
El caminho dos Mortos
(Peveragno)

Torna indietro

Partenza itinerario:Peveragno (Valle Josina - Cuneo)
Dislivello: 200 m
Sviluppo: 17 km
DifficoltÓ: Facile
Cartografia: Al momento fare riferimento alla C.T.R. 1:10.000 della Regione Piemonte.
Accesso: In auto da Cuneo o Mondový raggiungere Peveragno.
Bibliografia:"Dal Marguareis al Monviso in mountain bike" di Giorgio Bernardi, Ed. CDA
Descrizione:

Dal cimitero di Peveragno (bhe, cosa vi aspettavate dalla "Via dei Morti"...) seguite la stradina a dx della Provinciale per Chiusa Pesio, al primo bivio prendete a sinistra per Montefallonio (609 m). Si devia a destra passando davanti alla chiesa e, al successivo bivio si continua a destra, tra villette con bei giardini. Al civico n░ 26 si prende a sinistra per la stradina sterrata in salita tra i campi.
Al successivo bivio si tralascia la sterrata a sinistra per continuare dritti verso il bosco.
Passato un rustico abbandonato si continua a sinistra guadando un rio e si prende quota con un tornante fino a casa Moretu.
Si prende a sinistra e, salendo, si tralascia la prima stradina a destra mentre e alla successiva si prende proprio a destra.
Si continua nel bosco con salita media, con alcuni brevi strappi, fino a raggiungere la Costa Paral¨ che si segue per pochi metri fino a un bivio. Tralasciando la discesa a sinistra (che comunque porta a Pradeboni) si tiene  la destra in salita, a tratti accentuata, fino a una casa rustica (Casa Paral¨). Si continua seguendo la strada evitando le diramazioni che porta a Pradeboni. Quando si trova l'asfalto di prende a sinistra in discesa. Al secondo bivio a sinistra si segue la sterrata che, attraversata il retro di una casa rustica (occhio ai cani...), si congiunge con quella che arriva da Pradeboni. Qui Si segue  a sinistra seguendo il crinale e passando vicino a alcuni rustici.
Si arriva a una radura e si abbandona il percorso principale puntando dritto nel prato, verso il bosco (traccia veramente poco evidente).
Al bosco si prende la mulattiera in discesa (canalette) che porta a un tornante a sinistra. Questo ci fa rientrare verso il valloncello e superare un rio per arrivare a una cascina. Passata una sbarra si segue la sterrata che scendendo su fondo ghiaioso porta alla provinciale che collega Chiusa Pesio con Certosa di Pesio (Parco naturale regionale). 
Si segue a sinistra per cento metri su asfalto e poi si prende a sinistra una sterrata, dopo cento metri si segue a destra, salendo. Al successivo bivio si prende a sinistra e poi quasi subito a destra, nel bosco.
Si passa una casa ristrutturata e si arriva a una sbarra: la si oltrepassa e si raggiunge un rustico con un bel forno nei pressi (cani sciolti nei dintorni) si contorna il perimetro a monte a si oltrepassa un altra sbarra.
Pedalando nel bosco si trova una radura con una catasta di legna: prendete a destra nel bosco (tanto a sinistra arrivate a un rustico con cani, invalicabile!) per entrate in una bellissima faggeta (alberi secolari) su percorso in leggera salita fino alle vicinanze di un castelletto (Monbrisone). Adesso seguite la strada in discesa che, con un paio di tornanti, vi porta ad una sbarra: la si oltrepassa e si va dritti in salita (tralasciando a dx per la comunale che collega Chiusa Pesio). Dopo circa 400 metri di salitella la sterrata curva a sx: dovrete prendere la traccia a dx che entra nel bosco. Seguitela e comincerete a scendere in single track a tratti ripido. Al fondo vi ricongiungerete con  la comunale che collega Chiusa Pesio con Montefallonio e Peveragno, Via Mombrisone). Prendete verso sinistra, passando per la chiesa di Montefallonio e ritornando al Cimitero di Peveragno. ..siete ancora vivi?